il teatro caboto Teatro d'improvvisazione Teatro in milanese Archivio stagioni precedenti Foto di scena Info teatro e casting Teatro ragazzi Trailers, foto e commenti Lascia il tuo commento


IL TEATRO


teatro
teatro

teatro

teatro

teatro

teatro

teatro

Dal 2006
la direzione artistica di Gianluca Frigerio e di Anna Battaglia ha maturato una propria linea di “intrattenimento-culturale” nella programmazione del cartellone. Da una parte il teatro come veicolo di diffusione della cultura e dall’altra lo spettacolo come occasione d’intrattenimento. Cultura ed intrattenimento non si escludono, ma si compensano, valorizzandosi reciprocamente, grazie al genere degli spettacoli proposti.

Ad oggi
il Teatro Caboto può considerarsi una realtà all’interno del variegato panorama teatrale della città di Milano, classificato dallo stesso Comune tra “i piccoli teatri”.

Il Teatro Caboto non riceve alcuna forma di finanziamento né pubblico né privato e riesce ad andare avanti solo grazie agli incassi.
Il gradimento del pubblico, quindi, come vitale criterio di scelta artistica.


Le commedie comiche:
come occasione di puro intrattenimento per passare una serata spensierata.
L’adattamento per il teatro dei grandi romanzi:
conosciuti al grande pubblico, romanzi che appartengono all’immaginario di tutti, letti spesso ai tempi della scuola, fornisce la preziosa occasione di vederne i personaggi in carne e ossa, seguire la vicenda dal vivo, ricordare il romanzo diversamente ed in fondo conoscerlo meglio. Adattamento per il palcoscenico concepito per lo spettatore moderno, con i ritmi di oggi, privilegiando i temi del romanzo più vicini a noi, scegliendo e valorizzando i meccanismi della teatralità per metterla in sintonia con la letteratura e a servizio dell’autore.
Gli autori classici:
comici e drammatici, autori che hanno fatto la storia della letteratura teatrale, da sempre rappresentati perché da sempre hanno parlato dell’uomo e di cosa l’uomo universalmente è fatto. I classici rappresentati al Caboto acquistano il valore di una realtà a sé: elementi di scenografia essenziali, rappresentativi, creativi all’interno di uno spazio scenico dove la luce racconta, evoca, snoda il filo narrativo, personaggi affidati unicamente alla presenza e alla capacità degli attori, che da soli “fanno lo spettacolo”, creano l’illusione, per un teatro vivo, reattivo, non di regia e di forma, che in ogni replica deve essere diverso, per essere e accadere lì e adesso.
Il giallo:
non v'è divertimento senza passione e la passione nasce da qualcosa che ci intriga, ci strega e ci cattura. Cosa risponde meglio a questi requisiti se non un giallo a teatro? Dove, al contrario della realtà di tutti i giorni, alla fine tutti i pezzi tornano a posto, e noi restiamo con l’appagante e rara sensazione che, per una volta, ogni cosa si sia risolta nel migliore dei modi. Il genere è quello del dramma, anche se del dramma non ne ha la pesantezza, un po’ perché la vicenda stessa intriga il pubblico a seguire con occhio e orecchio da ispettore ed un po’ perché il ritmo generale dello spettacolo deve sempre essere sostenuto, urgente. Dramma ricco di capovolgimenti e colpi di scena con la vicenda che si sviluppa in un perfetto intreccio dai risvolti esplosivi, in perfetta armonia con il sempre entusiasmante paradigma: “niente è mai come sembra e tutto quello che sembra non esiste”. Un enigma che diventa mistero, una vicenda da seguire attentamente, una continua sfida per arrivare alla soluzione finale.
La commedia moderna:
Testi leggeri o drammatici dove la vicenda serve a rappresentare una tematica in cui gli spettatori si riconoscono. Sono spettacoli di forte impatto emotivo e di azzardate provocazioni, che trattano temi moderni, sia d’attualità che di carattere sociale, sono occasioni per ricordarsi e riconoscersi, spettacoli dove lo spettatore simpatizza con il destino dei personaggi perché vede in loro qualcosa di sé.

E, per, finire, ci piace riportare una frase del Maestro Carlo Cecchi e farla nostra: “… il teatro deve essere qualcosa di semplice, comprensibile a tutti, un’esperienza fresca ed immediata, come un’improvvisazione.”

Grazie a tutti!!!

Gianluca Frigerio

teatro



CONTATTI

Telefono
02.70.60.50.35
   
Direzione artistica
Gianluca Frigerio
mail@teatrocaboto.com
Responsabili teatro in milanese
Giancarlo Dozzo e Dante Fusi
teatromilanese@teatrocaboto.com
   
Responsabile teatro ragazzi
Ciro Cipriano
teatroragazzi@teatrocaboto.com
Responsabile grafico
Denise Brambillasca
denise.m.brambillasca@gmail.com
   
Fotografo di scena
Alessandro Tintori
photo@alessandrotintori.com
www.alessandrotintori.com
Ufficio stampa
ufficiostampa@teatrocaboto.com
 
   

teatro


COME ARRIVARE

Teatro Caboto di Milano
Via Caboto 2 - Angolo Piazza Po - Milano
MM1 Wagner o Pagano – Sant 'Agostino
Bus: 90 - 91 - 58 - 61 - 67 - 68 / Tram: 20 - 29 – 30
RICORDA: siamo su googlemaps!
 
Il Teatro Caboto è raggiungibile con la Metropolitana linea 1 (rossa) alle fermate di WAGNER o PAGANO, eventualmente percorrendo la strada rimanente con l'autobus n°61 e scendendo alla fermata Washington-Trieste, angolo via Pirandello (vedi il percorso sulla cartina).
 
Oppure con la Metropolitana linea 2 (verde) , scendendo a SANT'AGOSTINO, seguendo il percorso direzione Piazzale Aquileja/ Via Dezza e da lì arrivare a piedi in Piazza Po.
 
Per chi si muove in macchina, il teatro è raggiungibile da Via Washington, svoltando in Via Pirandello e seguendo i cartelli che indicano "Teatro Caboto".

Il teatro non è lontano da Piazzale Tripoli, piazza attraversata dalla circonvallazione (Bezzi-Misurata) Il Teatro Caboto si trova a sud di Piazza Buonarroti e di Piazza Piemonte. Venendo da CADORNA la direzione è Corso Magenta/Corso Vercelli. Si può arrivare anche da Via Lorenteggio e da Via delle Forze Armate, direzione centro.


LAVORA CON NOI

Compagnie
Il Teatro Caboto cerca spettacoli da inserire nel proprio cartellone.
Le compagnie interessate sono pregate di inviare una mail a ufficiostampa@teatrocaboto.com
Specificando:
OGGETTO: candidatura spettacolo
TITOLO, DURATA E AUTORE DELLO SPETTACOLO
REQUISITI TECNICI E CAST ARTISTICO
DESCRIZIONE DELLO SPETTACOLO
IMMAGINI, LINK A YOUTUBE, VIDEO O PROMO DELLO SPETTACOLO
CURRICULUM DELLA COMPAGNIA
Requisito obbligatorio:
IL TESTO DEVE ESSERE LIBERO DA DIRITTI SIAE
Il Teatro Caboto si riserva di valutare il materiale ricevuto e di proporre alla compagnia l’inserimento in cartellone dello spettacolo proposto in un periodo dell’anno da concordare insieme alla compagnia e per una durata di una o due settimane (da mercoledì a domenica).
Il Teatro Caboto corrisponderà alla compagnia il 50% dell’incasso totale detratto il 10% a titolo di onere fiscale.

Attori e Attrici
Il Teatro Caboto cerca attori e attrici di qualsiasi età al fine di comporre il cast degli spettacoli messi in scena da Gianluca Frigerio, attore e direttore artistico del teatro.
Chi fosse interessato può inviare una mail a ufficiostampa@teatrocaboto.com
Contenente:
CV e 2 FOTO PRIMO PIANO- FIGURA INTERA
EVENTUALE SHOW REEL O LINK A YOUTUBE
OGGETTO: candidatura attore/attrice
Requisito obbligatorio:
RESIDENZA O DOMICILIO A MILANO O IMMEDIATE VICINANZE
Il teatro Caboto si riserva di valutare il materiale ricevuto e di proporre un incontro conoscitivo in un giorno e orario da concordare.
Le prove non sono pagate.
Il teatro Caboto corrisponderà una percentuale dell’incasso totale detratto il 10% a titolo di onere fiscale.
L’ammontare di detta percentuale viene concordata con l’attore/attrice in base al ruolo assegnato.

SI RICORDA CHE ILTEATRO CABOTO NON HA ALCUNA FORMA DI FINANZIAMENTO NE PUBBLICO NE PRIVATO E VIVE UNICAMENTE GRAZIE AGLI INCASSI.